fbpx
  • Divertimento,  Giovani,  Impresa,  Lavoro,  Storie Ribelli,  Valori

    Lezioni di Vita Notturna

    Discoteche e Giovani nel 2022 Anche se si trattasse di una iniziativa promozionale (forse azzeccata, forse controproducente), il messaggio lanciato dal nostro ribelle di oggi lo abbiamo trovato coraggioso e importante. Il divertimento, la voglia di evasione, la sfrontatezza e l’allegria a regole e convenzioni, sono cose normali in gioventù, persino sane. Ma la maleducazione, la prepotenza e la supponenza, la mancanza di rispetto per gli altri e soprattutto per chi lavora, sono altra cosa. Ti stimo. ~ Spiriti Ribelli “Ho scelto di chiudere la mia discoteca per un week end, non perché ci mancano i permessi, o altro. Ma perché voi ragazzi mi avete rotto. Sono saturo dei vostri…

  • Malattia,  Musica

    Pensieri Latenti

    Chester Bennington era una rockstar, il cantante e frontman dei Linkin Park, una delle più famose Rock Band del mondo. In questi giorni del 2017 si è suicidato. Molte persone non si spiegano come si possa cadere vittima della depressione nello status di “giovane, ricco e famoso”. La Redazione Ma la depressione è una malattia, e si sa che le malattie non guardano il censo o la classe sociale, e nemmeno quanto sei ammirato dagli uomini e venerato dalle donne. Poi, se si va a leggere un po’ biografia si scopre qualche trauma, divorzio dei genitori, molti viaggi a interrompere la gia precaria stabilità, una molestia sessuale subita (non denunciata…

  • Sport

    Il Basket di Lobo

    Lobo era un giovane ragazzo, morto suicida per una storia di droga che doveva essere poco più di un gioco sbagliato. Nel 2019 postai il primo capitolo di una piccola amara storia, che si svolge nel luogo a lui dedicato. Uno dei due canestri del parchetto di Villette era stato piegato. Adesso a posto di entrambi i canestri c’è un buco. Caro idiota che hai spiccato i canestri, quel buco rappresenta il vuoto in cui si dimena il tuo cervello, ma anche il buco di c**o che ti farebbe una persona sensata che ti beccasse a fare il gesto infame. Ma dovrei parlare al plurale, perché i vigliacchi vanno sempre…

  • Storie Ribelli

    Emilia, piccolo genio non vedente. E i suoi compagni.

    La sua storia, e quella de “gli altri” che ne fanno parte. «Mi ha sempre affascinata il mondo greco. L’ho scoperto grazie a un medico che mi leggeva le poesie in greco e poi le traduceva. All’inizio avevo delle perplessità se iscrivermi a questo liceo o no, c’era qualche problema con il vocabolario di greco cartaceo. Poi abbiamo trovato il modo di superarlo»; usa il software Biblos per leggere il greco e Lambda  per la matematica. Ma questa è la storia anche degli “altri”, gli amici che l’aiutano, o che semplicemente sono “normali” con lei. Lupetta Liceo Russell della Capitale, 10 in greco, media del 9, rappresentante di classe, convinta…