• Uncategorized

    Ribelli 2018

    “Azioni dal profondo valore sociale, per il coraggio e l’altruismo, per la professionalità e l’umanità del loro impegno quotidiano, per atti di eroismo, per l’attività in favore dell’inclusione sociale o nella cooperazione internazionale, nella tutela dei minori, nella promozione della cultura e della legalità”. Per questo il Capo dello Stato Sergio Mattarella, li ha insigniti dell’Onorificenza al Merito della Repubblica Italiana (Omri). Facciamo un rapido excursus di alcuni premiati, incrociando le notizie di diversi quotidiani. Ilaria Galbusera, per «l’impegno e la passione con cui fa dello sport uno strumento di conoscenza e inclusione delle diversità» da capitano della Nazionale femminile Volley sorde, medaglia d’argento ai Deaflynpics 2017, i Giochi dedicati…

  • Sport

    Nicola Dutto

    In sella o in carrozzina. «Non ho mai odiato la moto o rinnegato quello che ho fatto, si legge sul suo sito web. Mi reputo un ragazzo fortunato, perché ho potuto trasformare una passione in una professione, con tutti i rischi del mestiere. Quando sono in sella mi dimentico di non poter usare le gambe. La moto mi ha spezzato, ma mi ha salvato». Il Sogno E’ il primo atleta paraplegico a prendere parte alla Dakar (ex Parigi-Dakar), che si terrà nel 2019 in Perù dal 6 al 17 Gennaio, lungo 5.000 km impervi. Il 48 cuneese è sulla sedia a rotelle dal 2010, da un incidente occorsogli nella prima tappa…

  • Storie Ribelli

    Katia Villirillo

    La morte di un figlio non basta “E’ la mamma di Giuseppe Parretta, ucciso a Crotone, da uno spacciatore appena liberato dopo tre anni di galera. Il criminale si era convinto che l’Associazione in cui lavoravano Katia e Giuseppe (che si occupa tra l’altro di vittime di droga), spiasse i suoi loschi traffici. Avrebbe voluto fare da scudo a Giuseppe, ma tutto è successo rapidamente. Piangendo, è quanto continua a ripetere la donna. Una storia che ha dentro diversi elementi, oltre all’omicidio in se: la reazione di una parte dei social, l’atteggiamento delle Istituzioni, il comportamento il aula dell’assassino”. AI SOCIAL LA BANDIERA NERA Dopo l’immane dolore per la perdita…

  • Uncategorized

    Due anni di lotta al tumore

    Le ultime cure individuate. Facciamo un resoconto delle ultime più importanti scoperte nella cura di questo male tremendo e molto complesso. In tanti nel mondo, collaborando ma anche confrontandosi in una specie di competizione del bene, stanno portando avanti ricerche avanzate, diverse squadre di ricercatori. Istituzioni, Università, Associazioni, cittadini che aiutano, si coalizzano sempre di più , vediamo le terapie più innovative, che in taluni casi hanno dato risultati eccezionali. L’ultima battaglia vinta contro il tumore delle donne Completamente cancellato il cancro al seno, con metastasi, con un terapia immunoterapica. Cellule immunitarie “istruite” dall’uomo e una squadra di ricercatori ottengono ciò che sin’ora era stato impossibile. I Linfociti, o cellule immunitarie, sono…

  • Sport

    Kathrine Switzer

    Correre come gli uomini. Nel 1967, ad una donna, per il semplice fatto di essere donna, non era permesso competere in una corsa di fondo: era uno sport considerato inadatto al corpo femminile, persino dannoso per l’apparato riproduttivo. Kathrine è una ragazza appassionata di corsa, si allena (con i maschi) mentre frequenta il College di Syracuse, e ufficialmente segue lo sport solo come giornalista. Poi, un postino dell’Università entra nella sua vita. Si chiama Arnie Briggs, è uno svizzero di 50 anni e ha partecipato a 15 edizioni della Maratona di Boston. Si allenano insieme e mentre le da consigli sulla corsa, racconta le imprese dei grandi maratoneti. Una sera…